legge Sabatini
 
 

 

 
 
 
modulo istruttoria Modulo Banca Preventivi finaziamento

LEGGE SABATINI

Cos’è la Legge Sabatini?:

Vendita rateale con cambiali in 5 anni, Iva Esclusa e Contributo in Conto Interessi, per qualsiasi acquisto o locazione di macchine utensili o di produzione nuove di fabbrica, nazionali od estere, da utilizzare in proprio, nelle unità produttive ubicate sul territorio nazionale, mediante lo sconto ordinario pro-soluto o pro-solvendo di *effetti cambiari.
* Per le Regioni: Emilia Romagna, Piemonte, Friuli Venezia Giulia e Liguria, il Finanziamento in Legge Sabatini viene perfezionato senza l’utilizzo delle cambiali.

Legge Sabatini Pro Soluto – Legge Sabatini Pro Solvendo:

  1. Nella Legge Sabatini Pro Soluto gli effetti cambiari vengono emessi dalla ditta Acquirente direttamente a favore dell’Istituto di Mediocredito, sfruttando così la defiscalizzazione dell’imposta di bollo sulle “cambiali dirette”, ciò permette una riduzione del bollo pari ad €. 0,06 per ogni €. 516,46 d’imponibile. Il Venditore non risponde all’Istituto di Mediocredito dell’eventuale mancato pagamento di uno o più effetti da parte dell’Acquirente.
  2. Nella Legge Sabatini Pro Solvendo gli effetti cambiari vengono emessi dalla ditta Acquirente a favore del Venditore, e da questi girati “salvo buon fine” all’Istituto di Mediocredito; in tal caso permane la normativa dell’imposta di bollo sulle cambiali pari al 1,2%. Il Venditore risponde direttamente all’Istituto di Mediocredito dell’eventuale mancato pagamento di uno o più effetti da parte dell’Acquirente.

Garanzie della Legge Sabatini:

Se un soggetto acquista un bene, questo entra a far parte del suo patrimonio, a prescindere dal fatto che il bene sia stato pagato o meno al Venditore. Se il legislatore dunque, non avesse previsto un “sistema di garanzie”, chi ha venduto un bene con pagamento dilazionato, correrebbe il rischio di vederselo pignorato da un creditore dell’Acquirente, o ancor peggio rivenduto in mala fede ad un terzo, ignaro che il bene non è stato pagato all’originario Venditore.

  1. Nella Legge Sabatini Pro Soluto, si sottoscrive un contratto di vendita con Privilegio, per cui se l’Acquirente non paga due rate (o una sola rata nel caso in cui l’importo supero l’ottava parte del prezzo), l’Istituto di Mediocredito ha il diritto di ottenere la risoluzione del contratto e di far decadere l’Acquirente dal beneficio del termine; normalmente il Privilegio viene esercitato in sede di fallimento dell’Acquirente, e si concretizza nella priorità di soddisfarsi del proprio credito sulle somme derivanti dalla vendita all’asta della macchina oggetto della Legge Sabatini.

  2.  Nella Legge Sabatini Pro Solvendo, si sottoscrive un contratto di vendita con Riserva di Proprietà, per cui se l’Acquirente non paga due rate (o una sola rata nel caso in cui l’importo supero l’ottava parte del prezzo), il Venditore ha il diritto di ottenere, la restituzione della macchina venduta, oltre ad acquisire i canoni già pagati.

Chi può beneficiare della Legge Sabatini?:

Aziende iscritte alla C.C.I.A.A., anche in caso di inizio attività, aventi meno di 250 dipendenti e fatturato inferiore ai 40 milioni di €uro all’anno, operanti in tutti i settori, esclusi: Siderurgia con alcune eccezioni; Costruzioni navali; Pesca; Trasporti; Fabbricazione dello zucchero; Industria del Tabacco.
N.B.* Non aventi Protesti, Pregiudizievoli, Procedure Concorsuali, Incagli bancari negli ultimi 12 mesi o segnalazioni di ritardi nei pagamenti Finanziamenti pregressi (segnalazioni CRIF).
* (Vedi “Codice Deontologico” sul Ns. sito www.svilup.it).

Contributo in Conto Interessi:

In caso di accoglimento della richiesta di contributo da parte del Mediocredito Centrale il tasso su tutto il bene strumentale finanziabile e le relative spese di montaggio, collaudo, trasporto, imballaggio (purchè non superino il 15% del costo del bene), è il seguente:
- Contributo in conto interessi pari al 100% nelle Zone ammesse alla deroga di cui all’art. 87.3.A del Trattato C.E. (Campania – Puglia – Calabria – Sicilia);
- 40% del tasso di riferimento nelle Zone ammesse alla deroga di cui all’art. 87.3.C del Trattato C.E.;
- 50% del tasso di riferimento e con il limite per le medie imprese di €. 200.000,00 in unità produttive ubicate nel restante territorio.
N.B. L’agevolazione non è cumulabile con agevolazioni contributive o finanziarie dirette sullo stesso investimento previste da altre leggi nazionali, regionali o provinciali; mentre, entro certi limiti, è cumulabile con altre agevolazioni concesse in forma di garanzia.

Principali modalità della Legge Sabatini:

- Dilazione di pagamento in 5 anni – Rate Mensili, Bimestrali, Trimestrali,  Quadrimestrali o Semestrali;
- Contributo in Conto Interessi;
- Decorrenza prima rata, dal 6° mese dalla firma degli effetti;
- Assicurazione dei beni dal rischio incendio, compresa nel finanziamento;
- Finanziabile anche l’inizio attività, purchè in presenza di rispondenza patrimoniale adeguata del richiedente e/o avallante/i, e ricavi adeguati all’importo richiesto;
- Tempi di delibera (8/10 GG.) ed accredito (7 GG.).

Alcuni buoni motivi per scegliere la Legge Sabatini:

Per l’Acquirente:      
- Pagamento della prima rata dopo 6 mesi dalla firma degli effetti. Si vende, si incassa e si paga dopo 6 mesi;
- Non vengono richieste garanzie sussidiarie come Fideiussione personale o Ipoteca sull’immobile di proprietà;
- Liquidità Immediata dell’IVA (Fattura del Fornitore), da compensare con F24 con altri tributi;
- Recupero dell’IVA a Credito con richiesta di Rimborso IVA infrannuale;
- Compatibilità di Finanziamento con Credito d’Imposta Legge 388/2000 Art. 8 e successive modifiche, Legge 488/92 etc (purchè si rinunci al Contributo in Conto Interessi).

Per il Fornitore:
-Incasso sicuro in tempi brevi;
-Nella formula Pro-Soluto, il Fornitore non è responsabile, né garantisce il buon fine del credito ceduto;
-Nella formula Pro-Solvendo, il Fornitore è garantito dal Patto di Riservato Dominio sui beni ceduti o da eventuali garanzie di avallo sui titoli.
-La possibilità di offrire al proprio acquirente una dilazione agevolata di pagamento,con possibilità di incrementare lo sviluppo del volume d’affari, offrendo un gradito e comodo strumento finanziario.

Come funziona la Legge Sabatini:

  1. Presentazione della richiesta di finanziamento all’Istituto di Mediocredito convenzionato con Sviluppo Aziendale S.r.l., correlata della documentazione necessaria all’istruttoria.

  2. Delibera di concessione dell’operazione di sconto da parte dell’Istituto di Mediocredito in 8/10 giorni lavorativi dalla ricezione.

  3. Perfezionamento del contratto di compravendita (Stipula Atto Notarile - emissione delle cambiali e relativa sottoscrizione da parte dell’Acquirente - Trascrizione al Tribunale competente - Apposizione del sigillo da parte della Cancelleria del Tribunale), emissione della Fattura da parte del venditore.
  4. Bonifico a favore del venditore, da parte dell’Istituto di Mediocredito, del netto ricavo dello sconto effetti, entro 7 giorni lavorativi dalla ricezione completa della documentazione.
  5. Richiesta da parte dell’istituto di Mediocredito dell’intervento agevolativi al Mediocredito Centrale S.p.a.
  6. Accoglimento della richiesta e liquidazione del Contributo in conto interessi all’impresa Acquirente da parte del Mediocredito Centrale.

IL PRESENTE FOGLIO NON COSTITUISCE OFFERTA AL PUBBLICO A NORMA DELL’ART.1336 DEL CODICE CIVILE.

 

SVILUPPO AZIENDALE S.r.l.  NETWORK FINANZIARIO 
Mediatore Creditizio N° 5739 U.I.C. - Agente in Attività Finanziaria N° A18935 U.I.C.
E-mail svilup@svilup.it - info@svilup.it C.F. e P.IVA 03301780874 
Copyright © 2006/2007 Sviluppo Aziendale S.r.l. Finanziamenti agevolati alle Imprese.